Dama Museum

Museo di Arte contemporanea

Il Rosso De Vilde: Una Rinascita di Pompei nei Colori dell’Archeorealismo

Il Rosso De Vilde: Una Rinascita di Pompei nei Colori dell’Archeorealismo

Il Rosso De Vilde: Una Rinascita di Pompei nei Colori dell’Archeorealismo

La storia del colore si arricchisce di una nuova sfumatura con il Rosso De Vilde (RDV), un innovativo pigmento di rosso brevettato dall’artista Evan De Vilde, fondatore dell’archeorealismo. Questa nuova tonalità ha radici profonde nella storia degli affreschi pompeiani, e il suo sviluppo si basa su una ricerca approfondita sulle sfumature dei pigmenti utilizzati nelle domus di Pompei.

 

Riscoprire le Sfumature del Rosso Pompeiano:

Tra le innumerevoli varietà di rosso pompeiano, De Vilde ha individuato un riferimento unico nelle svariate usure causate dal tempo e dalle interazioni fisiche subite dal colore nel corso dei secoli. Le domus pompeiane, con le loro pareti affrescate, hanno ispirato l’artista a esplorare e reinterpretare il rosso originario attraverso una nuova lente, sintetizzandolo in una tonalità distintiva: il Rosso De Vilde. Tutto ciò anche attraverso la spettrofotometria che già negli anni ’90 portò alla definizione univoca del rosso pompeiano De Vilde in modo scientifico.

 

Il Seminario al Museo Archeologico Nazionale di Napoli:

La presentazione ufficiale del Rosso De Vilde è avvenuta durante un seminario tenuto da Evan De Vilde presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli il 18 febbraio 2016. Durante questo evento, l’artista ha condiviso il risultato della sua ricerca, sottolineando il processo di estrazione del colore e presentandolo attraverso un modello matematico, identificato con il codice esadecimale ED1012. Le più vecchie opere, e le prime, risalgono però agli anni ’90 e sono principalmente su tela, oggi molto rare e praticamente introvabili.

 

Il Concetto di Archeorealismo:

Il Rosso De Vilde si inserisce nel contesto più ampio dell’archeorealismo, una filosofia artistica che considera i reperti archeologici come fonti di ispirazione contemporanea. Evan De Vilde ha applicato questo principio al colore originario di Pompei, trattandolo come un reperto da riportare in vita, arricchendolo con un nuovo contesto. Questo nuovo contesto si concretizza nel principio di marketing del consumismo moderno, trasformando il RDV in un brand riconoscibile e distintivo, un logo che incarna un concetto archeologico in un mondo contemporaneo.

 

Il Codice Esadecimale ED1012, pantone di Pompei:

La scelta di identificare il Rosso De Vilde con il codice esadecimale del pantone ED1012 conferisce un’ulteriore dimensione al suo significato. Oltre a essere una particolare sfumatura di rosso, il RDV diventa un simbolo, un linguaggio visivo che parla della connessione tra l’antico e il moderno, tra il colore di Pompei e la contemporaneità. Il codice colore emergerà dopo una lunga analisi dei pigmenti degli affreschi murari già condotta negli anni ’90 a Pompei, la città eterna del Rosso.

 

La Rinascita del Colore Pompeiano:

L’operazione del Rosso De Vilde non è semplicemente una ricerca del pigmento archeologico originario, ma piuttosto una rinascita del colore pompeiano come archetipo culturale contemporaneo. Il RDV si trova in bilico tra l’archeologia e il marketing del brand, un ponte che collega il passato al presente attraverso il linguaggio universale del colore.

 

il Rosso De Vilde rappresenta un’affascinante sintesi tra storia, arte, e contemporaneità, portando il colore di Pompei a una nuova vita attraverso il filtro dell’archeorealismo e l’ingegnosità artistica di Evan De Vilde.

 

EVAN DE VILDE – CANALE YOUTUBE : www.youtube.com/@evandevilde