Michelangelo Pistoletto, Frattali – Comunicato Stampa DAMA 01.12.2017

Il museo DAMA non investirà più sull’artista Michelangelo Pistoletto.
Ritirati, fino a nuovo ordine, i fondi necessari all’acquisto di nuove opere del Maestro Michelangelo Pistoletto. Questa è stata la decisione unanime del consiglio scientifico del DAMA Museum che non ha più intenzione di investire su questo artista visto il caos giudiziario che sta avvenendo sulla questione dei Frattali. Dopo molti anni che gli specchi frattali sono stati venduti in ogni galleria e anche su importanti case d’asta come la Christie’s e la Sotheby’s, l’artista Michelangelo Pistoletto ha denunciato la contraffazione di svariati frattali ed è partito un imponente sequestro giudiziario da parte del Nucleo dei Carabinieri in tutto il mondo. Molti collezionisti e gallerie si sono visti bussare alla porta dalle forze dell’ordine per il sequestro dei Frattali. “Ora crediamo, afferma il Presidente del Daphne Museum Art, che questa azione giudiziaria, allo stato, possa compromettere gravemente la credibilità del mercato dell’artista, quindi per sicurezza e difesa di ogni investimento è più prudente bloccare ogni iniziativa su Pistoletto, qualunque acquisto penso sia controproducente e molto rischioso”. Ecco perché l’artista è stato bannato dal sito del Dama Museum e tutti i siti collegati, ma anche tolto dalle pubblicazioni e mostre future già programmate come la Biennale di Napoli e la Biennale di Caserta dove nessuna opere del Pistoletto sarà più presente in collezione.
Avrà sicuramente agito correttamente l’artista se vi è stata la contraffazione delle sue opere, ma allo stato, davanti all’incertezza giudiziaria ed alle lungaggini del procedimento penale pendente, si preferisce non investire i fondi sulle sue opere, atteso che si corre il rischio di acquistare un falso.

Comunicato Stampa DAMA 01.12.2017



I commenti sono chiusi.